Campionato   martedì 27 novembre 2018

Andrea Vassallo e Luca Calapai vivono l'emozione del primo gol in maglia rossazzurra - Già 9, i marcatori della formazione guidata da Andrea Sottil nelle prime 12 gare del girone

Matera-Catania 0-2: settima vittoria in questo campionato, seconda consecutiva e terza esterna

Catania 4° in solitudine a quota 24 punti e con una gara da recuperare - Settimo "clean sheet" stagionale, quinto nel torneo attuale e terzo consecutivo, per Matteo Pisseri

Con un gol per tempo e con una chiara dimostrazione di qualità e concretezza, corredate dalla capacità di adattarsi ai momenti della gara e mantenere sempre il giusto equilibrio, il Catania conquista a Matera la settima vittoria in questo campionato, seconda consecutiva e terza in trasferta, riavvicinandosi al podio della classifica, adesso distante un solo punto, ed al vertice della stessa, lontano cinque lunghezze. Andrea Vassallo e Luca Calapai, il primo con eurogol a pochi minuti dalla conclusione della frazione iniziale ed il secondo con un tap-in negli ultimi secondi del match, vivono l'emozione della prima rete in maglia rossazzurra: già 9, nelle prime 12 partite del torneo, i calciatori a segno per la squadra dell'Elefante . Matteo Pisseri colleziona il suo settimo "clean sheet" stagionale, terzo consecutivo e quinto in campionato, evidenziando così la rinnovata efficacia della fase difensiva, che ha consentito al Catania di ottenere due successi ed un pareggio negli ultimi tre turni, risalendo fino a quota 24 punti (media di 2 ad incontro). Già al 6°, Barisic sfiora il gol con un potente destro da fuori area, di poco oltre la traversa. La reazione lucana è in un'incursione di Bangu: il tiro-cross del congolese è deviato in angolo da Pisseri, che dopo un colpo di testa a lato di Stendardo blocca senza patemi la rovesciata di Corado. Al 36°, seconda nitida chance per il Catania: Lodi calcia una punizione dalla trequarti verso il secondo palo, Aya irrompe di testa ma trova Farroni pronto a chiudere in angolo. Al 37°, Auriletto trattiene vistosamente e ripetutamente lo stesso Aya in piena area materana: l'arbitro sorvola nello stupore generale, il rigore sembra netto. Al 39°, Vassallo avanza palla al piede fino al limite dell'area e scarica un violento destro a mezza altezza, incrociando perfettamente la traiettoria: nulla da fare per Farroni, rete splendida e rossazzurri meritatamente in vantaggio. Nella prima metà della ripresa, Lodi e compagni gestiscono agevolmente il vantaggio, piazzando accelerazioni insidiose: una di queste, firmata da Manneh, comporta l'espulsione di Sepe per somma di ammonizioni. Pur in inferiorità numerica, il Matera ci prova al 25° con Ricci, che trova sulla sua strada Pisseri bravo a deviare lateralmente, ed al 28° con Corado, che dopo un rimpallo ed in posizione di sospetto off-side indirizza la sfera sull'esterno della rete. Da quel momento in poi, completo dominio del Catania e pioggia di occasioni: al 39° Lodi imbecca Marotta, potente diagonale e Farroni si salva in corner; al 42° Manneh disorienta l'avversario diretto e calcia in porta, Farroni respinge di piede; al 45° cross di Vassallo e colpo di testa di Manneh, Farroni colleziona un'altra risposta decisiva; al 46° nuovo assist di Lodi per Marotta, che aggira l'estremo difensore avversario e conclude in direzione della porta sguarnita non centrandola per un soffio. Al 50°, il sospirato raddoppio: prepotente azione di Marotta sulla sinistra, tiro potente respinto dal portiere, tap-in di Calapai che carambola sul palo e poi, nonostante l'affannoso tentativo di salvataggio compiuto dal numero 1 biancazzurro, oltre la linea. Il Catania cresce e vince.    

Venerdì alle 10.30 ed alle 15.00, a Torre del Grifo, primi allenamenti in vista di Sassuolo-Catania, in programma mercoledì 5 dicembre, alle 18.00, al "Mapei Stadium - Città del Tricolore" di Reggio Emilia.
   
Serie C 2018/19 - Girone C - Terza giornata
Matera-Catania 0-2
Reti: pt 39° Vassallo; st 50° Calapai.

Matera (4-4-2): 1 Farroni; 29 Risaliti (41°st 17 Genovese), 13 Stendardo, 6 Auriletto, 3 Sepe; 20 Triarico (13°st 8 Garufi), 4 Corso (12°st 10 Galdean), 21 Bangu (32°st 16 Dammacco), 14 Ricci; 7 Orlando (12°st 11 Scaringella), 9 Corado. A disposizione: 12 Guarnone; 18 Casiello, 2 Milizia, 19 Sgambati; 5 El Hilali, 30 Grieco, 15 Lorefice. Allenatore: Imbimbo.

Catania (4-2-3-1): 12 Pisseri; 23 Ciancio, 4 Aya, 28 Esposito, 8 Scaglia (29°st 17 Baraye); 18 G.Rizzo, 21 Bucolo (29°st 27 Biagianti); 7 Barisic (19°st 19 Manneh), 10 Lodi, 20 Vassallo (47°st 26 Calapai); 11 Curiale (19°st 9 Marotta). A disposizione: 1 Pulidori; 3 Lovric; 6 Angiulli, 16 Llama; 14 Brodic. Allenatore: Sottil.

Arbitro: Bitonti (Bologna).
Assistenti: Palermo e Falco (Bari).
Ammoniti: Bangu, Corado, Farroni e Sepe (M); Barisic, Curiale e Lodi (C).
Espulso Sepe al 23° st per somma di ammonizioni.
Recupero: pt 0'; st 5'.
Spettatori 1.771 (1.479 abbonati).
Nel Settore Ospiti dello stadio "XXI Settembre - Franco Salerno", al fianco del Catania, 26 tifosi rossazzurri non residenti in Sicilia.

Foto Gallery