Campionato   sabato 3 novembre 2018

Avvio sprint della formazione lucana con le reti di Franca e Strambelli, capitan Biagianti sigla il suo secondo gol stagionale con una conclusione stupenda ma Guaita archivia il match nella ripresa

Potenza-Catania 3-1: i rossazzurri patiscono in Basilicata la prima sconfitta stagionale

Quinto posto con 14 punti in 7 partite e tre gare ancora da recuperare

Potenza-Catania 3-1: giunta alla decima gara stagionale tra campionato e Coppa Italia, i rossazzurri patiscono al "Viviani" la prima sconfitta dell'annata. Per effetto della battuta d'arresto, un passo indietro in classifica: si ripartirà dal quinto posto ma dovendo ancora recuperare tre gare. La formazione lucana si conferma tra le più efficienti in questa fase della stagione: dopo l'avvicendamento in panchina, con mister Raffaele al timone i rossoblù hanno conquistato 10 punti, frutto di tre vittorie ed un pareggio nell'arco di cinque gare, subendo una sconfitta maturata in extremis sul campo della Sicula Leonzio. Dopo quaranta secondi di gioco, Lodi si affaccia pericolosamente dalle parti di Ioime, ex di turno, attento e capace di bloccare la conclusione. Al 4°, prima nitida opportunità per i padroni di casa: Strambelli s'incunea e serve Genchi, piatto sinistro respinto con il corpo da Aya, l'ex attaccante del Monopoli riprende e calcia a colpo sicuro ma Pisseri sfodera un'ottima parata d'istinto. Il Catania reagisce con un affondo di Manneh, che spedisce il pallone a lato, ma al 12° passa il Potenza: Giron crossa dalla trequarti sinistro, Franca supera Lovric e con una torsione potente ed intelligente piazza di testa la sfera sul secondo palo, siglando l'1-0 e la sua quinta rete in questo torneo, che vale il trono dei cannonieri. Con i guizzi di Manneh e Strambelli sui due fronti, seguiti da una bordata di Marotta neutralizzata da Ioime, la gara si mantiene aperta e gradevole. Al 26°, però, i potentini raddoppiano: Strambelli avanza rapidamente palla al piede, entra in area da destra e con il mancino incrocia sul secondo palo, piazzando la sfera in rete con la complicità di un rimbalzo sul rettangolo verde. La reazione c'è ed al 35° i rossazzurri potrebbero già accorciare le distanze: Curiale riconquista palla a metà campo e s'invola palla al piede fino al limite dell'area, concludendo poi centralmente ma trovando la respinta di Ioime. Nulla può, il portiere di origini campane, al 38°: Ciancio gioca un buon pallone sulla sinistra e appoggia per Biagianti, il Capitano controlla ed estrae dal cilindro una fantastica conclusione all'incrocio, da trenta metri, per il 2-1. Per il numero 27 rossazzurro, è il secondo gol in questo campionato. La prima frazione si chiude con un'iniziativa di Guaita, a lato, e soprattutto con l'occasione giusta per Marotta, che nel corso del primo minuto di recupero costringe Ioime all'uscita disperata; sugli sviluppi dell'azione, Manneh rimette in mezzo ma la difesa locale, seppur affannosamente, sventa la minaccia. La partita è aperta e combattuta anche in avvio di ripresa: Guaita da una parte e Biagianti dall'altra cercano subito la via del gol, senza fortuna, ma proprio quando sembra che il Catania stia guadagnando campo e predominio, un altro episodio negativo indirizza la gara in senso definitivo: angolo di Strambelli, palla sul secondo palo, Guaita colpisce di testa in area piccola e firma il 3-1. Ci sarebbe il tempo, per rimediare, e Marotta ci prova colpendo al volo, dopo il rimbalzo, sulla pregevole apertura di Llama: il centravanti napoletano non riesce ad incrociare la traiettoria. Il Potenza gioca con spensieratezza mostrando qualità: Strambelli, direttamente dalla bandierina, obbliga Pisseri a rifugiarsi in corner; sugli sviluppi dell'angolo, l'estremo difensore rossazzurro è costretto ad una provvidenziale deviazione sulla botta di Dettori. Il Catania ci prova ancora: Curiale calcia a lato, Vassallo sul primo palo (blocca Ioime), manca un pizzico di cinismo e Pisseri deve comunque mantenere alta l'attenzione, anticipando Franca al 38°. Biagianti e compagni chiudono generosamente in avanti: al 40° Lodi serve Llama, che evita un avversario e calcia forse imparabilmente ma trova la respinta di un difensore, che si oppone anche a Curiale; al 44°, Llama conclude a lato; al 46° Curiale si libera in area e scocca un tiro di sinistro da posizione favorevole, di poco distante dallo specchio della porta. In archivio una giornata storta, adesso due partite consecutive tra le mura amiche per risalire la china.
Domenica alle 11.30, a Torre del Grifo, primo allenamento in vista di Catania-Siracusa, in programma mercoledì 7 novembre alle 20.30 allo stadio "Angelo Massimino".
   
Serie C 2018/19 - Girone C - Decima giornata
Potenza-Catania 3-1
Reti: pt 12° Franca, 26° Strambelli, 38° Biagianti; st 12° Guaita.

Potenza (4-3-3): 22 Ioime; 7 Coccia, 26 Di Somma (45°st 15 Sales), 25 Emerson, 13 Giron; 5 Dettori (45°st 2 Matino), 11 Matera (9°st 8 Piccinni), 30 Guaita; 6 Strambelli (28°st 3 Panico), 9 Franca, 21 Genchi (9°st 23 Coppola). A disposizione: 1 Breza, 12 Mazzoleni; 4 Caiazza; 18 Fanelli; 20 Leveque. Allenatore: Raffaele.

Catania (3-4-1-2): 12 Pisseri; 4 Aya, 3 Lovric (1°st 26 Calapai), 5 Silvestri; 23 Ciancio, 27 Biagianti, 6 Angiulli (14°st 16 Llama), 19 Manneh (22°st 20 Vassallo); 10 Lodi; 11 Curiale, 9 Marotta (23°st 14 Brodic). A disposizione: 1 Pulidori; 28 Esposito, 8 Scaglia, 17 Baraye;  21 Bucolo, 29 A.Rizzo; 24 Mujkic. Allenatore: Sottil.

Arbitro: Marchetti (Ostia Lido). 
Assistenti: Assante (Frosinone) e Notarangelo (Cassino).
Ammoniti: Matera (P); Ciancio e Silvestri (C).
Recupero: pt 1'; st 3'.
Spettatori: 4.441.
Nel Settore Ospiti dello stadio "Alfredo Viviani", al fianco del Catania, 150 tifosi rossazzurri.

Foto Gallery