Approfondimenti   domenica 12 novembre 2017

Mister Lucarelli: "Complimenti ai ragazzi, per l'interpretazione della gara e l'intensità di gioco"

Mister Lucarelli commenta così la nona vittoria del Catania in questo campionato, undicesima stagionale considerando i due successi estivi in Coppa Italia: “La vittoria è anche figlia della grande intensità che siamo riusciti a  garantire per tutti i 95 minuti di gara. Faccio i complimenti ai ragazzi per l'interpretazione della partita, per aver continuato ad attaccare anche dopo l’1-0 cercando il raddoppio, per la bava alla bocca ed il sangue agli occhi, così come voglio io, in una partita non semplice: il Catanzaro ha una classifica non veritiera, è un’ottima squadra che non avrà problemi ad entrare nei playoff. Ai ragazzi ho chiesto la prestazione, senza avere ansie o pressioni per la vittoria del Lecce; la prestazione è un veicolo determinante per arrivare alla vittoria. Mi complimento con loro per come hanno tenuto i ritmi nella terza partita giocata in una settimana, sono rimasto sorpreso anche io, non lo credevo. Non mi piace fare complimenti al singolo ma oggi Caccetta è stato tatticamente mostruoso, recuperava tutti i palloni a centrocampo, sembrava avesse una calamita. L’anno scorso fece due gol nel derby Catanzaro-Cosenza, a volte credo in queste cose e mi sentivo sarebbe stato lui l’uomo partita. Ad inizio stagione ha un po’ sofferto i carichi di lavoro ma ora sta venendo fuori bene, è un giocatore che ci dà un equilibrio incredibile. Ho debellato l’io dal primo giorno che sono entrato in questo spogliatoio ed oggi raccogliamo i frutti, ho visto gente di 34 anni rincorrere gli avversari fino al 95°, è qualcosa di importante perché sono giocatori che hanno già avuto importanti parentesi qui a Catania e sono da traino per tutti i compagni. Tranne un’occasione capitata a Letizia, non abbiamo concesso nulla al Catanzaro, la squadra ha svolto le due fasi di gioco in maniera ottimale. Da qui a Castellammare di Stabia passa molto. Se riuscissimo a strappare punti importanti daremmo segnali forti ai naviganti, a chi considera il Lecce super favorito e destinato a vincere il campionato. Ripa? Gli faccio i complimenti, per una questione di centimetri ha preso il palo interno così come Aya l’interno della traversa. La giocata che ha messo a sedere due avversari è stata da giocatore vero. Sta crescendo, lo aspettiamo, sappiamo che è importante. Abbiamo iniziato costruendo la squadra sul 3-5-2 che non abbiamo cestinato, a Reggio ha prodotto tantissimo; non è questione di modulo ma di mentalità, i ragazzi sono in grado di produrre calcio offensivo con entrambi gli assetti. Il 4-3-3 ci dà molto per fase di gioco e palle gol ma non è detto che sarà questo fino alla fine, può darsi che si possa cambiare già sabato a Castellammare e far giocare insieme Ripa e Curiale. Il Catania si può permettere il lusso di tenere in panchina uno dei due,  così come altri giocatori: sono contento della rosa che ho, i miei ragazzi sono i più bravi, mi fido di loro e sono convinto che alla fine, a maggio, ci saranno delle sorprese”.


Foto Gallery